Premiazione mascotte per l'adunata alpini L'Aquila 2015

mascotte

L'Aquila premia concorso mascotte, 137 scuole e mille alunni

- L'AQUILA, 4 MAG - "Abbiamo già fatto metà Adunata: se uno dei nostri obiettivi è seminare valori in un territorio, questi li abbiamo già portati nei bambini che non solo li hanno capiti, ma da grandissimi comunicatori ce li hanno restituiti". È a dir poco entusiasta don Bruno Fasani, direttore de 'L'Alpino', mensile dell'Associazione Nazionale Alpini (Ana), dei risultati del concorso al quale hanno partecipato 137 scuole abruzzesi con un migliaio di alunni coinvolti, in vista dell'88/a Adunata Alpini, all'Aquila dal 15 al 17 maggio. Tanti i disegni per individuare la mascotte dell'evento, tanti e sorprendenti per lo stile e i contenuti anche i temi che raccontano storie di alpini ascoltate direttamente da parenti o conoscenti. Un concorso organizzato in maniera "così istituzionale" dalla sezione Abruzzi dell'Ana che Fasani vuole proporlo anche per le Adunate future. "Riparto con il cuore traboccante di ottimismo. E non solo perché i bambini sprigionano in me una tenerezza incredibile. Con un evento del genere - ha detto Fasani - dimostriamo che noi alpini siamo in grado di educare le nuove generazioni". Sorrisi, applausi, emozioni e momenti di commozione alla cerimonia di premiazione all'Aquila, nell'Auditorium del Parco. Il concorso, promosso dal Comitato "Aspettando L'Aquila 2015" e dall'Ufficio Scolastico regionale, sostenuto dal Comitato Organizzatore (Coa) dell'88/a Adunata nazionale Alpini, era riservato alle scuole primarie con l'Idea Concorso "Una Mascotte per l'Adunata Alpini L'Aquila 2015" e agli studenti delle secondarie di primo grado con "Scova l'Alpino che hai in famiglia e racconta la sua storia". Il vincitore di quest'ultimo è Luca Ursini, 1 C della scuola Mazzini dell'Aquila, Istituto Comprensivo Mazzini-Patini, con "La storia di mio nonno e Cavolo Fiorito", mentre nel concorso per la mascotte si è classificata al primo posto la classe II della scuola primaria di Castellafiume (L'Aquila) dell'Istituto Comprensivo "Sabin" di Capistrello (L'Aquila) con il disegno "Alpiedino", un cappello di alpino con due scarponi, realizzato dal piccolo Adam El Haddad. "Ho scelto di disegnare 'Alpiedino' - ha spiegato il bambino la cui famiglia è di origini marocchine - perché secondo me un alpino è alpino dalla testa ai piedi